Homepage
Attività
La Biblioteca
La Mediateca
L'archivio Storico
Centro Aleni
Civiltà del Ferro
Centro San Martino
Pubblicazioni
Associazione Amici
 Le Pubblicazioni
LIBRI
Elenco volumi pubblicati per Anno>>

Anteprima Pubblicazioni Agricoltura>>

Pubblicazioni Centro Aleni>>
Notizie dalla Fondazione
Civiltà Bresciana
Anno 2020 N.7-Giugno 2020
Anno 2019 N.5-Giugno 2019 N.6-Dicembre 2019
Anno 2018 N.3-Giugno 2018 N.4-Dicembre 2018
Anno 2017 - Nuova Serie
N.1-Giugno 2017 N.2-Dicembre 2017
2013 Febbraio          
2012 Febbraio Marzo        
2011 Febbraio Aprile        
2010 Marzo   Luglio   Ottobre  
2009 Gennaio Aprile Luglio   Novembre  
2008 febbraio Marzo Maggio Luglio Ottobre Dicembre
2007 Gennaio Maggio Giugno Ottobre    
2006            
2001   Giugno        

COLLANE
La Fondazione Civiltà Bresciana cura l´edizione di alcune collane: Annali, Cattolici e Società, Codice Diplomatico Bresciano, Documenti Memorie Immagini, Fondamenta, Fonti e Studi di Storia Bresciana, Gente Bresciana, Guide, Miscellanea, Monografie di storia e arte bresciana, Mostre, Parchi letterari, Percorsi, Quaderni del sistema museale, Strumenti di lavoro, Studi e memorie, Studi e testi, Terre bresciane.

Atlante demologico lombardo>>

La Fondazione inoltre ha pubblicato il primo dei volumi dell´Atlante demologico Lombardo (il Bresciano) con l´obiettivo di censire, mappare e analizzare le tradizioni popolari intorno alle usanze del ciclo dell´anno, ai documenti della cultura materiale e della comunicazione ed espressività orali che sono vive nel territorio della regione.

Atlante lessicale bresciano>> 

L´idea di documentare l´attuale "stato" della "lingua dei bresciani" è l´operazione scientifica che porta la Fondazione a redigere l´Atlante lessicale bresciano.

Codice diplomatico bresciano>>

In collaborazione con l´Università di Pavia la Fondazione ha avviato un programma che prevedeva la microfilmatura sistematica delle pergamene bresciane fino al 1350, finite in depositi pubblici e privati di differenti città italiane (Brescia, Milano, Reggio Emilia, Cremona, Città del Vaticano). Nell´arco di un biennio è stato cosi possibile ricomporre nella sede della Fondazione (e in copia presso il Dipartimento storico- geografico dell´Università di Pavia), seppure in modo virtuale, gli archivi dispersi delle istituzioni bresciane, in gran parte monasteri e canoniche. Sulla base dei microfilm si è proceduto alla schedatura di tutti i documenti: i dati essenziali di ciascuno di essi sono stati inseriti in singole schede facenti capo ai notai che quei documenti avevano prodotto nel corso dei secoli. E´ nato così il Codice diplomatico Bresciano, confluito poi nel Codice diplomatico della Lombardia Medievale. Il primo volume pubblicato è stato quello relativo alle Carte del monastero di S. Pietro in Monte Orsino di Serle.