Il Museo del Ferro - La Fucina di San Bartolomeo, è stato inaugurato il 24 novembre 2001.
Promosso dalla Fondazione Civiltà Bresciana e primo polo del Museo dell' Industria e del Lavoro "E. Battisti" di Brescia, ha sede nel quartiere di San Bartolomeo, nell'edificio in cui erano attivi una fucina da ferro ed un laboratorio di molatura. Elementi essenziali da cui il progetto di recupero e musealizzazione ha preso le mosse sono i resti materiali delle lavorazioni artigianali un tempo praticate e, soprattutto, la presenza del locale del maglio:
la macchina, ma anche la forgia, l'incudine, la mola ed i vari attrezzi da lavoro, insieme alla canalizzazione delle acque e alla tromba idroeolica dell'esterno, in grado di testimoniare l'attività in tutte le sue fasi e nei più minuti particolari.
La principale finalità del Museo è la lettura del territorio dai punti di vista ambientale, storico, economico e sociale.
È perciò un luogo dove apprezzare la ricchezza culturale ed i saperi del passato artigianale e proto-industriale; un opportunità per la crescita civile e culturale della collettività; un'occasione per conoscere la propria comunità e dare significato alla pratica quotidiana, nel rispetto della storia dell'uomo e dell'ambiente in cui egli ha vissuto ed operato.
 
 
   
     
 
Testi a cura di Michela Capra, curatore scientifico e didattico del Museo
Grafica a cura di DGM / M. Squassina
Web a cura di Fondazione Civiltà Bresciana
©Tutti i diritti di riproduzione anche parziali sono riservati
©Copyright integrale di tutte le immagini
 
     
     
 
© Fondazione Civiltà Bresciana 1998-2005